BLOG NEWS








COMPAGNE E COMPAGNI,
PURTROPPO È UNA VITA CHE NON SCRIVO, MA SONO ALLE PRESE CON ESAMI E COMPITINI COME SE PIOVESSE, OLTRE CHE CON ALTRI IMPEGNI DI VARIO GENERE... HO IN CANTIERE L'ARTICOLO SULLA PORNOGRAFIA PER DONNE E DEVO RIVOLUZIONARE LA GRAFICA DEL BLOG, QUINDI A BREVE RITORNERÒ "PIÙ BELLA E PIÙ POSSENTE CHE PRIA".... SALUTI :)

domenica 27 giugno 2010

Una sveglia di nome Brancher

La nomina del ministro Brancher, che gli ha evitato il processo, ha scatenato contro il Papi nazionale le critiche di mezza Italia: oltre al solito Di Pietro, hanno cominciato prima la Lega, compreso Bossi in persona, per via scelta del ministro del federalismo tra le fila del Pdl, poi i finiani, notoriamente molto sensibili alla legalità e che quindi mal tolleranti verso un atto del genere.
Persino il Quirinale, notoriamente abituato a firmare col naso tappato obbrobri quali il lodo Alfano, le ronde e l'aggravante razziale per i clandestini (tutte silurate dalla Corte Costituzionale), più lo stesso legittimo impedimento per i ministri a cui Brancher s'appella, osa dichiarare che essendo un ministro senza portafoglio non lo può accampare. Come potrebbe essere peggiore la situazione per il povero Silvio?
Stasera apro la posta per controllare le e-mail, e ne salta fuori una del PD [ho votato (Marino) alle primarie, quindi ogni tanto arrivano], con oggetto: "Brancher dimettiti". Ho controllato sul sito ed effettivamente hanno urlato allo scandalo davvero.
Berlusconi stavolta ha davvero pisciato fuori dal vaso, tra l'altro centrando in pieno un gran numero di dormienti. Forse dovrebbe cercare di non esagerare col viagra.

Nessun commento:

Posta un commento